News Net Nebraska

Complete News World

Voici la First Cat degli Stati Uniti!

Voici la First Cat degli Stati Uniti!

Ha conquistato il cuore di Jill Biden interrompendo il suo discorso elettorale: la first lady ha annunciato venerdì l’arrivo del gatto Willow di due anni con la coppia presidenziale degli Stati Uniti.

“Ecco il salice”: Jill Biden ha twittato alcune foto dei gatti, che devono il loro nome alla loro città natale, Willow Grove, immagini accompagnate da piccoli cuori rosa.

Vediamo Willow, il mantello grigio e bianco di una tigre, lunghi baffi e grandi occhi verdi, sdriato su un davanzale o esplorando il porto fiero, i corridoi della Casa Bianca.

Il servizio stampa della “first lady” ha spiegato che “il primo gatto” ora “ha impressionato profondamente Jill Biden salendo sul podio e interrompendo un discorso che stava tenendo in Pennsylvania (nordest), durante la campagna 2020 di Joe Biden.

Il professore e il gatto, che provenivano da una fattoria, sono diventati subito amici, ha detto la Casa Bianca, con la benedizione del proprietario della fattoria in questione.

La portavoce del gatto Jill Biden ha detto che il gatto “lascia il segno alla Casa Bianca con i suoi giocattoli preferiti, il cibo preferito e un sacco di spazio per annusare ed esplorare”.

Non c’è però una parola sull’accoglienza dedicata al “First Cat” da “First Dog”, il giovane leader del pastore tedesco, che da qualche settimana si diverte sui prati di 1600 Pennsylvania Street a Washington.

Per far rivivere una lunga tradizione presidenziale boicottata dai Trump, che non avevano animali domestici, Biden era semper con un cane alla Casa Bianca, ed era semper un pastore tedesco.

Ci arrivano con Champ, morto l’anno scorso in età avanzata, e il Maggiore, che da allora è tornato in campagna per mancanza di acclimatamento, prima di accogliere il capitano.

See also  Green Lantern - Di Maria, guaranteed offer... De Ligt for 120 million? But wasn't he the one who played with his hands?

Ascolta la colonna dell’esperto politico statunitense Luke Laliberte su QUB Radio: